AD ACIREALE, APPLAUDITO LO SPETTACOLO “NON E’ VERO…MA CI CREDO”

IMG-20180611-WA0017

Recensioni ed Eventi

A cura di Maria Cristina Torrisi

 

IMG-20180611-WA0017

Un’esilarante commedia, interpreti d’eccezione e meritati applausi. Sono gli ingredienti che hanno battezzato “più che riuscito” lo spettacolo portato in scena ieri sera, nella Sala Teatro San Giovanni Evangelista di Acireale, dagli attori della compagnia “Benvenuti al Teatro”.

“Non è vero…ma ci credo” la scelta del regista Matteo Bonaccorsi, una sfida ardua, che riporta al teatro napoletano, alla commedia in 3 atti di Peppino De Filippo; un classico tra i testi teatrali più amati dal pubblico, patrimonio artistico e culturale incomparabile per la ricchezza letteraria e umanistica che esso rappresenta, e che, in tal caso, rimanda al tema della Iettatura, del Portafortuna e della Superstizione, non senza lanciare il messaggio finale della personale suggestione, principale artefice dei mutevoli cambiamenti delle umane vicende.

Un cast d’eccezione, formato da (in ordine di entrata): Marisa Giuffrì (Mazzarella, la segretaria), Alfio Rogazione (Avvocato Donati), Matteo Bonaccorsi (Commendatore Gervasio Savastano), Rino Quattrocchi (Ragionier Spirito), Virginia Alibrandi (Teresa, moglie di Savastano), Mariangela Sorbello (Rosina, figlia di Savastano), Daniela Citraro (Tina, cameriera di casa Savastano), Alberto Sammaria (Alfio Trovato), Giovanni Alibrandi (Ragionier Belisario Malvurio), Nuccio Russo (Musciello, il portiere). Gli altri interpreti: Anna Maria Cannavò, Agata Cristaldi e Salvo Bonanno.

IMG-20180611-WA0024

Riguardo alla trama, l’arrivo del gobbo Alberto Sammaria nella casa di Gervasio Savastano, uomo ossessionato dalla superstizione, appare subito come una benedizione dal Cielo, venuto a cambiare favorevolmente le sorti dell’azienda del commendatore ma anche della sua famiglia.

In un contesto quasi goliardico, l’humor aleggia sempre, grazie alle battute comiche dei personaggi tirati in causa, ed i cui interpreti sono dotati di capacità mimica e recitativa, resa ancora più evidente non solo dall’innato talento ma anche dai corsi di formazione e perfezionamento che la Compagnia realizza costantemente per garantire professionalità.

Ancora una volta Matteo Bonaccorsi ha dato prova della sua maestria nell’arte recitativa, solcando le scene con una naturalezza non comune, calandosi interamente nel personaggio di Gervasio Savastano e con lui gli altri personaggi principi come Teresa, Alberto e Rosina, rispettivamente gli attori Virginia Alibrandi, Alfio Trovato e Mariangela Sorbello. Un contesto squisitamente movimentato dalla presenza di tutti gli altri attori i quali, ognuno nel proprio ruolo, hanno fatto emergere le migliori qualità nella creazione del personaggio.

Un encomio va anche a quanti hanno operato per la realizzazione dell’ambientazione scenografica, curata nei minimi particolari. A tal proposito, si ricordano coloro che hanno apportato il loro contributo per la buona riuscita dello spettacolo: Giuseppe Mastrangelo (Direttore di scena), Salvatore Belfiore (Curatore delle scene), Danilo Nicolosi (Mixer luci e audio), Mario Fichera e Luisa Trovato (Foto).

Prossimi appuntamenti con la medesima commedia: domenica 1 luglio 2018 presso il Teatro Parrocchiale di Aci S. Filippo alle ore 21; giovedi 2 agosto 2018 presso il ristorante Il Faro di Capomulini alle ore 21.

0

 

Un’esilarante commedia, interpreti d’eccezione e meritati applausi. Sono gli ingredienti che hanno battezzato “più che riuscito” lo spettacolo portato in scena ieri sera, nella Sala Teatro San Giovanni Evangelista di Acireale, dagli attori della compagnia “Benvenuti al Teatro”.

“Non è vero…ma ci credo” la scelta del regista Matteo Bonaccorsi, una sfida ardua, che riporta al teatro napoletano, alla commedia in 3 atti di Peppino De Filippo; un classico tra i testi teatrali più amati dal pubblico, patrimonio artistico e culturale incomparabile per la ricchezza letteraria e umanistica che esso rappresenta, e che, in tal caso, rimanda al tema della Iettatura, del Portafortuna e della Superstizione, non senza lanciare il messaggio finale della personale suggestione, principale artefice dei mutevoli cambiamenti delle umane vicende.

Un cast d’eccezione, formato da (in ordine di entrata): Marisa Giuffrì (Mazzarella, la segretaria), Alfio Rogazione (Avvocato Donati), Matteo Bonaccorsi (Commendatore Gervasio Savastano), Rino Quattrocchi (Ragionier Spirito), Virginia Alibrandi (Teresa, moglie di Savastano), Mariangela Sorbello (Rosina, figlia di Savastano), Daniela Citraro (Tina, cameriera di casa Savastano), Alberto Sammaria (Alfio Trovato), Giovanni Alibrandi (Ragionier Belisario Malvurio), Nuccio Russo (Musciello, il portiere). Gli altri interpreti: Anna Maria Cannavò, Agata Cristaldi e Salvo Bonanno.

Riguardo alla trama, l’arrivo del gobbo Alberto Sammaria nella casa di Gervasio Savastano, uomo ossessionato dalla superstizione, appare subito come una benedizione dal Cielo, venuto a cambiare favorevolmente le sorti dell’azienda del commendatore ma anche della sua famiglia.

In un contesto quasi goliardico, l’humor aleggia sempre, grazie alle battute comiche dei personaggi tirati in causa, ed i cui interpreti sono dotati di capacità mimica e recitativa, resa ancora più evidente non solo dall’innato talento ma anche dai corsi di formazione e perfezionamento che la Compagnia realizza costantemente per garantire professionalità.

Ancora una volta Matteo Bonaccorsi ha dato prova della sua maestria nell’arte recitativa, solcando le scene con una naturalezza non comune, calandosi interamente nel personaggio di Gervasio Savastano e con lui gli altri personaggi principi come Teresa, Alberto e Rosina, rispettivamente gli attori Virginia Alibrandi, Alfio Trovato e Mariangela Sorbello. Un contesto squisitamente movimentato dalla presenza di tutti gli altri attori i quali, ognuno nel proprio ruolo, hanno fatto emergere le migliori qualità nella creazione del personaggio.

Un encomio va anche a quanti hanno operato per la realizzazione dell’ambientazione scenografica, curata nei minimi particolari. A tal proposito, si ricordano coloro che hanno apportato il loro contributo per la buona riuscita dello spettacolo: Giuseppe Mastrangelo (Direttore di scena), Salvatore Belfiore (Curatore delle scene), Danilo Nicolosi (Mixer luci e audio), Mario Fichera e Luisa Trovato (Foto).

Prossimi appuntamenti con la medesima commedia: domenica 1 luglio 2018 presso il Teatro Parrocchiale di Aci S. Filippo alle ore 21; giovedi 2 agosto 2018 presso il ristorante Il Faro di Capomulini alle ore 21.

Tags: