Cultura e spiritualitĂ 

LE ODI

LE ODI
A cura di Ludovico Anastasi

NEVE

Ti portero’ con me sull’Olimpo a chiedere agli dei un innesto per possedere il tuo candore.

NUOVA INSONNIA

Timoniere al largo di inaccessibile porto di quiete mi trovo. Tra qualche ora tirar su kg 80 di massa corporea, del nuovo giorno abbozzato schema, fa fatica, fa bestia da soma.

FIGLIUOL PRODICO

SCHIZZI

Sto senza specchio dalla parete staccato. Buon per me, cosi’ non guardo piu’ la mia faccia da eterno immusonito.

SCHIZZI

Vengo da spazio lontano e da un antico tempo. Per amore credo mi stia trattenendo oltre il dovuto mentre il cuore ritorna al remoto, quando di Dio ero solo un pensiero.

SCHIZZI

Per fame o per amore il rocambolesco cadere.

SCHIZZI

Incastonato al centro di un fiore reciso il perduto aleggiare piango.

Leggi tutto

Le Odi: La sorgente Asciatizza

received_1381605385534886

Le Odi

A cura di Gianfranco Caputo Bisanzio

 

Com’era bella la fresca sorgente

dove s’andava a risciacquare i panni,

lembi d’un tempo a cui torna la mente

tra le andate stagioni e i fertili anni.

 

received_252163389843308

 

Venuste vesti al vespero ventoso

e il prato stesso udiva il canto in coro,

le tante aurore e l’esiguo riposo

dicono tutto del duro lavoro.

 

Il marito lontano forse ucciso,

ma un pensiero d’amore il cuor afferra

con il sapone tra le mani e il viso.

 

received_1381605385534886

 

Rimbombi tetri dell’orrenda guerra

eppure ancora oggi accenni un sorriso:

ogni donna è il fiore della terra.

 

 

 

Leggi tutto

LE ODI

Le Odi

A cura di Ludovico Anastasi

NOTTE

E riesco finalmente a costruirle attorno un’arca amica nel navigarmi l’anima con la luna piena. Ah che audacia amarla in questa quiete periferica e la lussuria dei sogni che nelle case avanza copiosa di umori fra intrecciate braccia. Ah che bravi acrobati siamo di sopravvivenza.

DEL MIO SILENZIO INTIMO

Il silenzio seduce, ha labbra rosse non viste. Al buio passa le stanze, ne valuta i contorni, gli oggetti. E’ incline a scrutare gli angoli, i vari interstizi fra finestre e porte socchiuse. Invita a domande puntualmente inevase. E’ essenziale nel dare ferite. E’ il mio silenzio di insonore abitudini che sanno di morte.

odi

DI NOTTE, UN BALZO

Odo lontano un tuono messianico. Sa di buona novella, sollevando lo spirito in ombra...

Leggi tutto

Ricordo di un evento: il poeta Angelo Scandurra e la poesia di Ludovico Anastasi

LE ODI

INTERVISTE E REPORTAGE

Servizio di Maria Cristina Torrisi

Leggi tutto

Giuseppe Garibaldi visto da vicino con lo sguardo di una donna

Aleksandra Toliverova

Recensioni

A cura di Giovanni Vecchio

La scrittrice russa Aleksandra Toliverova incontra Garibaldi a Caprera nel 1872.

Giuseppe Garibaldi, quale co-protagonista dell’unificazione dell’Italia, è una figura di cui la storiografia si è ampiamente occupata.

Garibaldi a Caprera

Garibaldi a Caprera

Uomo scomodo od utile, a seconda delle circostanze, personaggio controverso, ma inevitabilmente dentro i fatti con il piglio dell’uomo d’azione che non ama gli assemblearismi e le sottili azioni diplomatiche, sempre pronto a mettersi all’opera per la libertĂ , a favore degli oppressi e con una visione radicale e vagamente umanitaria e repubblicana...

Leggi tutto