Racconti e Leggende

LIBERAZIONE

25-aprile-777x437

Per non dimenticare… / Storiche Memorie

 

A cura di   Antonino Leotta

Un motivo -quello della LIBERAZIONE-  che torna coinvolgente in questi giorni di prolungato condizionamento. Una celebrazione che ridesta profondi desideri di continuità nell’ora della sofferenza. Potrebbe sembrare una commemorazione di routine, un appuntamento annuale per una festa che si fa sempre più lontana dai problemi del nostro tempo. Ma, a pensarci bene, resta un momento forte per riaffermare il valore della libertà come bene inalienabile in qualsiasi contesto di vita. L’impegno di alcuni italiani, uniti ad altri fronti di guerra, ha realizzato una drammatica conquista.

Ho provato anch’io la paura della guerra e i giorni della fame. Sensazioni che si continuano a provare ancora oggi...

Leggi tutto

Coronavirus, un flagello gemello

IMG-20200323-WA0009

Per non dimenticare…
A cura di Sara D’Angelo

«La peste che il tribunale della sanità aveva temuto che potesse entrar con le bande alemanne nel milanese, c’era entrata davvero, come è noto; ed è noto parimente che non si fermò qui, ma invase e spopolò una buona parte d’Italia»
Il girotondo della storia non si ferma mai, ogni tanto fa una pausa per poi riprendere la marcia del suo vortice e lo fa all’improvviso, senza pietà.

IMG-20200323-WA0009
Un flagello gemello a distanza di cinque secoli si è manifestato a noi a passi felpati per non dare sospetti, imitando i modi del leone che si prepara con le sue abilità mimetiche a dare l’agguato alla gazzella. Altro è il tempo, uguale è la velocità di contagio, altra è l’origine del male, identico è il terremoto schiacciatore di vita...

Leggi tutto

Mai più l’indicibile trovi terreno fertile nelle parole dell’odio

Eine Gruppe gefangener Kinder in Haeftlingskleidung blickt durch einen Zaun aus Stacheldraht im Konzentrationslager Auschwitz, kurz nach der Befreiung des Lagers durch sowjetische Truppen Ende Januar 1945. Die Befreiung jaehrt sich am Dienstag, 27. Jan. 2004, zum 59. Mal. Dieser Tag ist seit 1996 in Deutschland der zentrale Gedenktag fuer die Opfer des Nationalsozialismus. (KEYSTONE/AP Photo/Holocaust Museum)

Per non dimenticare…

A cura di Rosalda Schillaci

Cosa può insegnarci il passato? Perché non è tempo perduto, quando lo rinverdiamo con gesti frequentati “contro le parole dell’odio”.

Eine Gruppe gefangener Kinder in Haeftlingskleidung blickt durch einen Zaun aus Stacheldraht im Konzentrationslager Auschwitz, kurz nach der Befreiung des Lagers durch sowjetische Truppen Ende Januar 1945. Die Befreiung jaehrt sich am Dienstag, 27. Jan. 2004, zum 59. Mal. Dieser Tag ist seit 1996 in Deutschland der zentrale Gedenktag fuer die Opfer des Nationalsozialismus. (KEYSTONE/AP Photo/Holocaust Museum)

Eine Gruppe gefangener Kinder in Haeftlingskleidung blickt durch einen Zaun aus Stacheldraht im Konzentrationslager Auschwitz, kurz nach der Befreiung des Lagers durch sowjetische Truppen Ende Januar 1945. Die Befreiung jaehrt sich am Dienstag, 27. Jan. 2004, zum 59. Mal. Dieser Tag ist seit 1996 in Deutschland der zentrale Gedenktag fuer die Opfer des Nationalsozialismus. (KEYSTONE/AP Photo/Holocaust Museum)

Occorre agire, insorgere per essere sentinelle a guardia di parole, perché dalle semplici parole – il passo è breve – si passa ai fatti violenti...

Leggi tutto

RACCONTI: IL CAMPANILE

IMG-20190902-WA0020

Racconti

IL CAMPANILE

di Antonino Leotta

C’erano tre piccoli laghi in Val Venosta: il Lago di Resia e quello di Curon vicini e, poco distante, il Lago di San Valentino alla Muta.

DSCN3493

L’abbondanza d’acqua spinse la “Montecatini” a chiedere -nel 1920- di utilizzare il sito per produrre energia idroelettrica. Passarono trenta anni e nel 1950 venne realizzato il progetto con la costruzione di una diga. Un progetto per un servizio pubblico. Ma quel progetto costò a circa duecento famiglie la espropriazione di case e terreni. Dicono che le lacrime degli abitanti avrebbero potuto dare vita ad un altro lago. Scomparve l’antico Comune di Curon Venosta e una parte del territorio di Resia che vennero, in parte, ricostruiti sulla collina sovrastante.
Ma, in quella amara circostanza, la Sovra...

Leggi tutto

DAI RACCONTI : VENTI

1502219348000 (2)

Racconti

VENTI

di  Antonino Leotta

1502219348000

Mio nonno paterno viveva a contatto con la natura. La campagna era la sua vita. Forse sarebbe meglio dire  che.. la campagna era la sua compagna. A parte il rispetto per la moglie che gli diede sette figli e con la quale condivideva ogni decisione, l’idillio che viveva con la madre terra e. soprattutto, con i frutti della madre terra, era incommensurabile. Non esagero nel dire che dava l’impressione di accarezzarle le piante. Anche la potatura non era affatto un gesto di violenza. Era un modo di rendere ancora più bella una creatura già meravigliosa. Un sistema per renderla vezzosa e capace di attirare lo sguardo...

Leggi tutto