Racconti e Leggende

Wanted 100 Muhammad Alì per salvare il mondo

Per non dimenticare…

A cura di Enzo Coniglio

Muhammad_Ali_1

L’eroe di noi giovani che nei ruggenti anni 60, lottavamo convinti, in Europa e negli Stati Uniti, per cambiare il mondo, Muhammad Alì, nato Cassius Marcellus Clay Jr.,  è morto all’età di 74 anni, divorato dal morbo di Parkinson.

E’ più corretto dire che è risorto, adesso che si è liberato dal fardello del corpo e possiamo ammirare la grandezza professionale, etica, sociale e politica di questo figlio di due continenti: dell’Africa nera e dell’America dei diritti negati e della guerra del Viet-Nam.

Ha voluto innanzitutto riappropriarsi della sua identità culturale e storica, .cambiando il suo nome in Muhammad Alì e convertendosi  all’Islam, religione di pace e di coesione tra i popoli...

Leggi tutto

RICORDANDO LUCIO DALLA. 4 Marzo 1943 – 4 marzo 2012.  

received_10206001437975837

received_10206001440495900

Per non dimenticare. ..

A cura di Giusy Pagano

Come non immortalare la data che ci riporta al ricordo del caro Lucio Dalla, il cantautore bolognese che ci ha emozionato e fatto innamorare con le sue canzoni per tanti anni e che ci ha lasciati il 4 Marzo del 2012 stroncato da un infarto.

Qualcuno ha affermato, soffermandosi proprio su questa data, che il suo stesso destino fosse nel testo di una canzone. E chi poteva immaginare che l’1 Marzo del 2012, dopo un applauditissimo concerto in Svizzera nella camera d’albergo, veniva colto da malore.

La carriera di Lucio Dalla inizia come musicista di formazione Jazz e poi autore delle sue canzoni. Ha suonato da clarinettista e sassofonista...

Leggi tutto

RICORDANDO CELESTINA ARCIDIACONO

received_10205667246421257

received_10205667246981271

Per non dimenticare

A cura di Giusy Pagano

Il mondo del  volontariato piange la scomparsa di una persona che ha creduto nei valori della solidarietà, dell’amicizia e dell’amore. Una persona che ha regalato sorrisi e affetto a tanti bambini, nella ludoteca da lei voluta presso il reparto di pediatria dell”ospedale di Acireale.
La Sig. Celestina Arcidiacno, Pres. dell”Associazione di Volontariato A.V.E.S.C.I., ha rappresentato per quanti la conobbero un modello di impegno, gratuità e altruismo.
Noi volontari la vogliamo ricordare così, con questa poesia  a cui lei era tanto  legata:

Vuoi le mie mani?

Signore, vuoi le mie mani per passare questa giornata aiutando i poveri e i malati che ne hanno bisogno?

Signore oggi ti do le mie mani.

Signore, vuoi i miei piedi per passare questa g...

Leggi tutto

GRANITE GRANATA

granitamandandorla

Racconti e Leggende

A cura  di Pippo Scudero

Quella mattina, i bambini che erano andati a pattinare in piazza sentirono un profumo particolare.

Partiva certamente dalla piazza e invadeva, spinto dal vento, le strade che arrivavano fin lì.

I ragazzi lo seguivano come ipnotizzati, come se fossero tirati da un filo.

Arrivati in piazza si fermarono e annusarono l’aria, come fanno i cani quando sentono strani odori.

Anche gli anziani che stavano sulle panchine ai bordi della  piazza erano col naso all’insù: “ Non sanno più cosa sperimentare, quelli della pubblicità… sarà la propaganda di un nuovo profumo ”.

I ragazzi si erano seduti in cerchio, e stavano indossando i pattini.

“Ma non senti questo profumo?” disse Carlo.

“ Sì, è un profumo dolce “ aggiunse Laura

“ E’ un ...

Leggi tutto

CONTA LE STELLE E CHIAMALE PER NOME

abram2

Racconti e Leggende

A cura di Pippo Scudero

CONTA LE STELLE E CHIAMALE PER NOME

Alla fine della creazione era veramente stanco.

D’altronde non è cosa da poco creare il sole, la luna e le stelle. Avete mai provato, una notte d’estate senza nuvole, a contarle tutte?

Quando pensi di avere finito di contare tutte le stelle di uno spicchio di cielo, ne vedi spuntare un’altra, piccolina e poi un’altra più piccola e un’altra ancora.

E non finisci mai.

Lui invece le aveva contate tutte e ne conosceva il numero esatto.

“Facile” direte “le aveva fatte Lui!”

Le aveva fatte arrotolando luce e gas, come si fa con lo zucchero filato che si arrotola sul bastoncino, fino a diventare bello grosso.

E quando erano diventate enormi si erano accese, come i fuochi d’artificio alla festa del...

Leggi tutto