La poesia per la vita. Al via la Rassegna “Non vedo l’ora”

IMG-20200330-WA0007

Le Odi

A cura di Carmela Tuccari e
Rita Messina

Perché parlare di poesia in un periodo tanto difficile che ci costringe a guardare in faccia la nuova realtà e ci impone numerosi sacrifici? Ora che si prospetta una svolta epocale?
Perché la POESIA è VITA!!!

IMG-20200330-WA0007

Il dono più grande che l’uomo abbia ricevuto nel corso dell’evoluzione è la “parola”. E qual maggior bellezza dell’espressione poetica, che permette di mettere a nudo pensieri e sentimenti universali!
Ad essa, a coloro che amano la musicalità delle parole, la varietà delle espressioni, la combinazione di termini e i loro esiti in rima, ma anche a chi sente il bisogno di comunicare semplicemente le proprie emozioni è destinata l’iniziativa organizzata da La Voce dell’Jonio, testata giornalistica acese e casa editrice, dal ti...

Leggi tutto

Il patriottismo di Canepa

Il professore Antonio Canepa e lo sfondo di una frase del libro "La Sicilia ai siciliani"

Per non dimenticare…

In occasione dell’anniversario dei Moti del Vespro Siciliano 30 marzo 1282.

A cura di Giuseppe Firrincieli

Le pagine de “La Sicilia ai siciliani” di Mario Turri, al secolo Antonio Canepa, furono 40, come 40 furono i primi sostenitori del Pensiero Separatista di Andrea Finocchiaro Aprile, come 40 (e speriamo che rimangano 40) i giorni della tragica “quarantena” che ci affligge oggi. Un caso? Forse si! Forse no! Questo non lo sapremo mai.

Un immagine che racconta i Vespri siciliani

Un immagine che racconta i Vespri siciliani

Ma in occasione di oggi, la cui data ricorda la più grande rivoluzione al mondo della storia, voglio evidenziare una pagina bellissima del pensiero patriottico di Antonio Canepa: “… La Sicilia è un Isola. Da ogni parte la circonda il mare...

Leggi tutto

IL TESTO DELL’OMELIA DI PAPA FRANCESCO

91243822_4280589218633542_6470838105141149696_n

Attualità

A cura di Antonino Leotta
“Da settimane sembra che sia scesa la sera. Fitte tenebre si sono addensate sulle nostre piazze, strade e città; si sono impadronite delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante, che paralizza ogni cosa al suo passaggio: si sente nell’aria, si avverte nei gesti, lo dicono gli sguardi. Ci siamo ritrovati impauriti e smarriti.

91243822_4280589218633542_6470838105141149696_n

Come i discepoli del Vangelo siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca… ci siamo tutti...

Leggi tutto

SALVAGUARDARE IL BENESSERE IN STATO DI EMERGENZA

immagine 2 per Acireale

Attualità

A cura di Federica Zanca
In uno stato di pandemia e di difficoltà a tutti i livelli, come quello che stiamo vivendo ora, è fondamentale mantenere l’equilibrio interiore, nonché il proprio ben- essere a tutti i livelli, fisico, mentale ed emozionale.

immagine 4 per Acireale
Ecco alcuni piccoli suggerimenti
GESTIRE lo stress sviluppando la RESILIENZA: occorre adottare un atteggiamento costruttivo organizzandosi e restando sensibili e aperti alle diverse opportunità che la vita può offrire anche in situazioni negative. Con un atteggiamento resiliente saremo in grado di non alienare la nostra identità, utilizzando al massimo le nostre risorse interiori. Vedere, ad esempio, la casa come un rifugio piuttosto che una prigione potrebbe aiutare!
RISCOPRIRE le proprie risorse: provare a rilassarsi ed oz...

Leggi tutto

Coronavirus, un flagello gemello

IMG-20200323-WA0009

Per non dimenticare…
A cura di Sara D’Angelo

«La peste che il tribunale della sanità aveva temuto che potesse entrar con le bande alemanne nel milanese, c’era entrata davvero, come è noto; ed è noto parimente che non si fermò qui, ma invase e spopolò una buona parte d’Italia»
Il girotondo della storia non si ferma mai, ogni tanto fa una pausa per poi riprendere la marcia del suo vortice e lo fa all’improvviso, senza pietà.

IMG-20200323-WA0009
Un flagello gemello a distanza di cinque secoli si è manifestato a noi a passi felpati per non dare sospetti, imitando i modi del leone che si prepara con le sue abilità mimetiche a dare l’agguato alla gazzella. Altro è il tempo, uguale è la velocità di contagio, altra è l’origine del male, identico è il terremoto schiacciatore di vita...

Leggi tutto