scuola tagged posts

ACIREALE, SI ALZA IL SIPARIO CON “CHI È DI SCENA”

IMG-20180522-WA0046

Recensioni ed Eventi

A cura di Antonino Leotta

LUNEDI‘ 13 maggio alle ORE 17,30 presso il LICEO “REGINA ELENA” – con ingresso da Via Guido Gozzano n° 3 ACIREALE- si aprirà il sipario sulla IV EDIZIONE di “CHI E’ DI SCENA FESTIVAL DI TEATRO SCOLASTICO”.

L’assessore alla Pubblica Istruzione PALMINA FRASCHILLA, il Capo-Settore ALFIO LICCIARDELLO e CARMELA BORZI’ responsabile del Servizio Diritto allo Studio, hanno superato – in producente sinergia – ogni difficoltà per la realizzazione di questo evento.

IMG-20180522-WA0046

Un Festival che riporta in primo piano gli alunni dei nostri e di altri Istituti Scolastici della nostra Isola, sempre graditissimi ospiti della nostra Città...

Leggi tutto

APPRODA AD ACIREALE IL PREMIO ROMANO “VITO SCAFIDI”

20190412_153720

Recensioni ed Eventi
A cura di Redazione Bohemien

20190412_153720

IMG-20190411-WA0006

Un traguardo che lascia una impronta significativa non soltanto nel territorio ma anche a livello nazionale quello raggiunto dell’Istituto comprensivo Vigo Fuccio-La Spina di Acireale, vincitore nell’aria Educazione al Benessere del progetto “10@lodeinsalute” della 13ª edizione del premio buone pratiche “Vito Scafidi”, promosso da Cittadinanzattiva e, dal 2009, intitolato al ragazzo che ha perso la vita l’anno prima, 22 novembre, per il crollo del controsoffitto dell’aula del liceo scientifico Datarwin di Rivoli.

20190412_153635

20190412_153428

20190412_153512

20190412_153533

A ritirare il Premio Scafidi, ieri mattina, nella sala Igea dell’Istituto della Enciclopedia Italiana di Roma, in rappresentanza del dirigente scolastico professoressa Maria Castiglione, la referente di cittadinanza attiva...

Leggi tutto

ACIREALE, TERZA EDIZIONE DEL PRESEPE DEL RICICLO

DSCN3459

Recensioni ed Eventi

A cura di Antonino Leotta

DSCN3467

DSCN3434

La rivista on-line “Nuove Edizioni Bohemien” ha aperto quest’anno la tradizionale pubblicazione dell’UNICUM con la poesia di Guido Gozzano che ha coinvolto diverse generazioni di studenti nel periodo natalizio. Il poeta, che sembra chiudere il tempo dei crepuscolari per aprirsi a un tempo poetico di transizione verso il futurismo, intende ritrovare ancora, nelle cose semplici di pascoliana memoria, il rifugio che ripara dall’avanzata di un borghesismo ipocrita. I versi de “La notte santa” volgono lo sguardo verso la periferia della vita. Il poeta sviluppa, in una sequenza di immagini, quelle poche parole trascritte dal Vangelo di Luca (2,7): “non c’era posto per loro nell’albergo”.

DSCN3405

DSCN3412

DSCN3383

DSCN3382

E’ di grande attualità la sc...

Leggi tutto