Schizzi di umanità nell’opera “Covid 19, cartoline dal fronte”

received_3262486743859697

Recensioni ed Eventi

A cura di Salvatore Zappardino

“Covid-19 – Cartoline dal fronte”, della casa editrice QuiEdit, è il libro scritto dal Colonello medico Federico Lunardi, alpino paracadutista della Taurinense… e scout del Cngei. Il voluto riferimento è alle cartoline delle guerre dei nostri padri «quelle ingiallite cariche di parole scritte fitte fitte che coprivano tutto lo spazio, compresa l’area attorno al francobollo».

received_3262486743859697

Il diario della «guerra» al «nemico invisibile», uno dei primi dato alle stampe dai militari, sono «schizzi di umanità, parole nate dal dialogo con pazienti, colleghi, famigliari. Parole scritte nelle corsie ospedaliere, in un’Italia che mai nella propria storia ha vissuto limitazioni di libertà così spinte».

Lunardi non cerca la ribalta, ma come ufficia...

Leggi tutto

IL RACCONTO E L’IMMAGINE nel pensiero dello scrittore acese ITALO SPADA

Il cinema senza rughe

RECENSIONI/CINEMA

A cura di Antonino Leotta

Quando Italo Spada parla di cinema bisogna particolarmente ascoltarlo. Perché ha occhi speciali che percepiscono i segreti nascosti in ogni immagine. La lunga serie di “quaderni” da lui pubblicati su linguaggi e contenuti, su tecniche e sperimentazioni, la collana “da spettatori ad attori”, “Il cinema del disagio”, “Il cinema dell’handicap, “Il cinema del sorriso”, quello scambio tra letteratura e cinema e tra cinema e poesia, ci stupiscono e ci coinvolgono e ci proiettano in nuove dimensioni di lettura filmica. Sorprendenti e decisamente originali. Ma tanto arricchenti.

In questi giorni, sono stato costretto a riprendere in mano uno dei suoi primi volumi -pubblicato nel 1994- che ci accompagna nel lungo percorso di cento ann...

Leggi tutto

Gesualdo Bufalino “Vivi una ragna di parole…” “La vita non sempre fa male…”

received_1077300186042506
Maria Cristina Torrisi Editore e Direttore di Nuove Edizioni Bohémien

Maria Cristina Torrisi
Editore e Direttore di Nuove Edizioni Bohémien

Memorie di un personaggio
A cura di Rosalda Schillaci

(Approfondimento dell’articolo sul numero dell’Edizione 2020 dell’Unicum – lo Speciale di Natale – in uscita online l’8 dicembre 2020)

Gesualdo Bufalino (Comiso, 15 novembre 1920 – Vittoria, 14 giugno 1996) è uno scrittore da sfumature semantiche, esuberanti e barocche, che lo collocano tra i grandi della letteratura del Novecento Italiano accanto a Landolfi, Gadda e Manganelli. Una numinosa presenza: virtù di una via lessicale e sintattica, ora per creare, ora per straniare, in un curatissimo ritmo, nella sontuosa prosa infittita da versi nascosti, lussuose sprezzature di memorie letterarie. […]
Ha vinto in prestigiosi agoni letterari, tra i...

Leggi tutto

IN “EFFETTI COLLATERALI” UNA SICILIA CHE SI TINGE DI GIALLO

9788893414180_0_0_626_75

Recensioni

Maria Cristina Torrisi Editore e Direttore di Nuove Edizioni Bohémien

Maria Cristina Torrisi
Editore e Direttore di Nuove Edizioni Bohémien

A cura di Maria Cristina Torrisi

Una Sicilia ricca di tradizioni, avvolta nel mistero, e che si tinge di giallo. Insomma, ancora da “scoprire” ma anche da “riscoprire”. E’ l’Isola proposta nelle pagine del nuovo lavoro di Rosario Russo. Autore acese, dalla raffinata penna per il metodo stilistico e l’indagine critica e puntigliosa con cui descrive contesto e personaggi, riconferma i tratti caratteristici della sua scrittura. E’ narrazione attaccata e radicata alla Sicilia e alla città d’origine, Acireale. Ma non solo. Quanti possono inorgoglirsi di seguirlo sono a conoscenza dell’amore del Russo per la storia,  la memoria e le vicende degne di essere tramandate ai posteri.

9788893414180_0_0_626_75

D...

Leggi tutto

In “Ada e Incubus”, romanzo di M. Cristina Torrisi, “il volto del nostro dolore”

Copertina-C-Torrisi-2

RECENSIONI
A cura di Germana Ferlito

“Ogni cosa appassisce/io mi scopro a frugare/in vetrine di morte/quando il sabato sera/la tenerezza rimane senza compagnia”.
È il 1970 quando Léo Ferré incide “Avec le Temp” che giungerà in Italia 2 anni dopo con Gino Paoli.
Leggendo “Ada e Incubus” l’accostamento è stato immediato: l’amore tradito, l’abbandono, la separazione, la tenerezza interrotta, gli “anni perduti”.

Copertina-C-Torrisi-2
Inoltre la narrazione è accompagnata, in diverse scene, da un citato sottofondo musicale, ad esempio: “La lugubre gondola” di Liszt, i valzer di Strauss e la “Danse macabre” di Saint Saens in cui si raggiunge l’acme del romanzo stesso, in una scena particolarmente suggestiva.
Ada in abito da sposa, in una danza macabra, è succube di un rito privato dalla sacralità: la fede che...

Leggi tutto