Monthly Archives luglio 2017

MAKEBA: L’ELEGANZA DELL’ARTE NELLA FUSIONE DELLA RAGIONE ALLA MATERIA

20170726_210942

ARTE

MAKEBA

OPERA “VORTICE”

A cura di Maria Cristina Torrisi

20170621_223713

Vortice tela cm 50×50 acrilico coll. 2017

In quest’opera (luglio 2017), l’osservatore rimane rapito in un ipnotico viaggio.

E’ la vita che risucchia nel mondo atavico onirico o l’espulsione dell’intimo all’estremo esistere? E’ vortice irruento che si libera alla suprema forza della vita, come grembo di madre pronto a dare alla luce, o è vortice impetuoso che trascina il tutto circostante all’interno di un punto ermetico, da cui poter accedere in un’altra dimensione verso l’infinito?

Incognita e sopraffazione sono elementi che l’opera trasmette nell’animo di chi l’osserva...

Leggi tutto

LA SCELTA DELL’AMORE

1501235455000

Attualità

LA SCELTA DELL’AMORE
A cura di Antonino Leotta
Foto di Petra Sappa g.c.

1501235455000
La Città di Acireale è sempre desta. Archiviata la Festa di Santa Venera, ora si guarda verso il Carnevale estivo. Poi, ci si orienterà verso la Fiera dello Jonio. E, ancora, verso…le elezioni regionali… Ogni evento creerà nuove “attrazioni”.
C’è una caratteristica, tuttavia, che accompagnerà sempre la magica forza di ogni fatto celebrativo: affiorerà e, in crescendo, esploderà lo scontro tra due opposte fazioni. E’ innegabile. La storia di questa città lo dimostra chiaramente.
Mi fermo a constatare. Il primo rilievo da evidenziare riguarda gli ambiti dei due fronti in opposizione. Sono essenzialmente due: l’ambito religioso e l’ambito politico-amministrativo...

Leggi tutto

APPUNTAMENTO AL CINEMA

received_10214178533687376

Atomica Bionda – Recensione

A cura di Federica Rizzo

received_10214178533687376
Adattamento cinematografico della graphic novel The Coldest City (2012) scritta da Antony Johnston e illustrata da Sam Hart, Atomica Bionda ci porta ad esplorare la Berlino del 1989, poco prima della caduta del muro e ci presenta una Charlize Theron più bella e tosta che mai. Combattiva, temibile e dannatamente sexy: questa è Lorraine Broughton, una biondissima agente dei servizi segreti britannici che, inviata a Berlino, deve far luce sulla morte di un collega, tentando anche di recuperare una misteriosa lista contenente le identità delle spie attive nella capitale tedesca.
David Leitch realizza una trama tipica dei film di spionaggio con un taglio marcatamente comics ed una spettacolarità scenica esplosiva che colpisce lo spettat...

Leggi tutto

VERSI DI UNA NOTTE D’ESTATE

1500642399000

LE ODI

A cura di Antonino Leotta

Foto di A. L.

1500642399000 (1)

La nostra vita oggi si rassomiglia, spesso, a una carretta del mare sbattuta da onde in tempesta. Anche se ne respingiamo l’idea, siamo emigranti che rischiamo sopravvivenza sulla stessa terra che ci ha generati. Tanti i pericoli che tentano di travolgerci. Tanti i problemi che tormentano le nostre notti insonni, le nostre ore avvelenate di incertezze.

Mi chiedo spesso se è vero che un tempo si riusciva ad essere più distesi. E più sereni. E mi pare di aver ritrovato un punto di ancoraggio che ci infondeva una certa sicurezza interiore.

1500642399000

Anni fa eravamo più attenti a cogliere le voci e i volti della natura. Pare che ci danzassero attorno. Trasformando i nostri sentimenti in soavi sguardi di contemplazione. Ed anche in slanci di amore.

V...

Leggi tutto

ARTE: COSMOGONIA MEDITERRANEA

COSMOGONIA foto sub (1)

ARTE

 A cura di R.B.

COSMOGONIA foto sub5

L’istallazione luminosa ritorna a Lampedusa

 

 

Sulle tracce di chi arriva, portando con sé la polvere del viaggio, la paura del domani, la voglia di riuscire. E sulle orme di chi non riesce a raggiungere la terra, ma che l’ha desiderata spasmodicamente. Il viaggio è iniziato da qui, da Lampedusa l’anno scorso e nell’isola si condenserà di nuovo tra pochi giorni: perché “Cosmogonia mediterranea” fa intimamente e storicamente parte dell’isola dove è nata. Ed è una necessità che ritorni nel luogo che l’ha virtualmente generata, soltanto in questo mare trova una sua ragione di esistere. Perché qui si conclude il viaggio. L’installazione di Domenico Pellegrino – un profluvio pop di decori barocchi che prendono spunto dalle classiche luminari...

Leggi tutto