Memorie

DONNA FRANCA FLORIO

donna-franca-florio-boldini-portrait-thumb

La donna nella storia

A cura di R.B.

donna-franca-florio

Franca Florio, all’anagrafe Donna Franca Jacona della Motta dei baroni di San Giuliano, nata a Palermo il 27 dicembre 1873, era discendente di una famiglia dell’aristocrazia siciliana.

Fu la moglie dell’industriale Ignazio Florio junior, uno dei personaggi più noti della belle èpoque,  l’uomo più ricco e importante di Sicilia

Dai siciliani era chiamata Donna Franca, la regina di Sicilia.

Fu una donna apprezzata da molti, il suo fascino andava oltre la già nota bellezza fisica, si dice avesse una particolare naturalezza nelle conversazioni, molto acculturata, generosa d’animo.

donna-franca-florio-boldini-portrait-thumb

La personale scelta verso donna Franca si deve al fatto che la si può definire “donna imprenditrice”.

Ebbe, infatti, un grandissimo ruolo nei tanti affari del mari...

Leggi tutto

VIENI A PRENDERE UN CAFFE’

salvatore-quasimodo

Caffe’ letterario/ Memorie di un personaggio

A cura di Antonino Leotta

immagine-211

La poesia non ha spazi riservati. O recinti circoscritti. E’ come l’alito del vento che penetra ovunque. Lasciandosi percepire. Userei la stessa immagine per la musica. Per la parola scritta in tutta la vastità dei suoi contenuti. Per la ricchezza e la bellezza delle raffigurazioni in ogni arte. E anche per la rivisitazione delle vicende storiche. Certamente è la sensibilità di noi comuni mortali a fare posto nella nostra considerazione a queste realtà che elevano lo spirito.

Mi è capitato diverse volte, in questi ultimi tempi, di partecipare a un “caffè letterario” organizzato in una abitazione privata. Tra amici e conoscenti che hanno programmato un turno tra le mura domestiche...

Leggi tutto

LE FESTE DI GENNAIO IN PROVINCIA DI CATANIA

received_10205789031470553

received_10205789029830512

Storiche memorie

A cura di Nunzio Rapicavoli

Un antico proverbio recita: “L’Epifania tutte le feste porta via”. Questo non vale certamente per la provincia di Catania, perché proprio dopo l’ultima festa natalizia vi e’ un susseguirsi di manifestazioni popolari, che culmineranno i primi giorni di febbraio con la festa di Sant’Agata a Catania.

Il 15 gennaio si celebra San Mauro. A Viagrande il Simulacro del Santo ha un aspetto di una persona anziana con la barba e i devoti del luogo lo chiamano “San Mauro il Vecchio”. Si differenzia con il San Mauro di Aci Castello. Il Santo, infatti, qui, ha un aspetto più giovanile tanto che è chiamato “San Mauro il Giovane”.

La Festa di Viagrande è famosa soprattutto per gli straordinari spettacoli pirotecnici che illuminano il cielo nelle fredde se...

Leggi tutto

Alcune frazioni, da Mascali ad Acireale, nei percorsi storici.

La costa di Santa Tecla

Memorie

A cura di Rosangela Spina

 Acireale e i suoi casali nell'Ottocento

Acireale e i suoi casali nell’Ottocento

Capo Mulini, Guardia, Pozzillo, Santa Maria Ammalati, San Giovanni Bosco, Santa Maria La Scala, Santa Tecla, Reitana, Scillichenti, Stazzo, Pozzillo e le “altre”. 

Un insieme urbano, territoriale e paesaggistico accomuna le numerose frazioni che attorniano la famosa cittadina acese. Sono più di dieci le grosse frazioni e i piccoli nuclei abitati che si aggregano intorno Acireale, che rivelano spesso una storia comune, legata anche  a specificità del territorio. Ve le riassumiamo, per riepilogarvi in un unico percorso aspetti e luoghi, che i lettori siciliani sicuramente già ben conoscono...

Leggi tutto

IL DUE NOVEMBRE: TRA FEDE E TRADIZIONE

received_10205342851991599

received_10205342852111602

received_10205342852671616

received_10205342851991599

Memorie

A cura di Giusy Pagano

“Non esiste separazione definitiva finché esiste il ricordo”.
(Cit. di Isabel Allende – scrittrice cilena).

Come si può dimenticare qualcuno che ha fatto parte della nostra vita, o che si è semplicemente conosciuto e apprezzato le qualità che tanto lo distinguevano, quando ne esiste ancora il ricordo? Non si può. E lo dimostra il fatto che, dentro di noi, rimane sempre viva la memoria di trascorsi che rimarranno impressi.
Lo dimostra il fatto che il 2 Novembre “Festa dei morti”, la chiesa cattolica celebra la commemorazione dei defunti.
Una giornata ricca di significati religiosi che si fondano con antichi riti e credenze, e nella quale e’ consuetudine andare in visita al cimitero per pregare e portare fiori sulle tombe dei nostri cari.
Questo lu...

Leggi tutto