VERSI tagged posts

LE ODI

Le Odi

A cura di Ludovico Anastasi

NOTTE

E riesco finalmente a costruirle attorno un’arca amica nel navigarmi l’anima con la luna piena. Ah che audacia amarla in questa quiete periferica e la lussuria dei sogni che nelle case avanza copiosa di umori fra intrecciate braccia. Ah che bravi acrobati siamo di sopravvivenza.

DEL MIO SILENZIO INTIMO

Il silenzio seduce, ha labbra rosse non viste. Al buio passa le stanze, ne valuta i contorni, gli oggetti. E’ incline a scrutare gli angoli, i vari interstizi fra finestre e porte socchiuse. Invita a domande puntualmente inevase. E’ essenziale nel dare ferite. E’ il mio silenzio di insonore abitudini che sanno di morte.

odi

DI NOTTE, UN BALZO

Odo lontano un tuono messianico. Sa di buona novella, sollevando lo spirito in ombra...

Leggi tutto

LUDOVICO ANASTASI E LA POESIA

RECENSIONI/INTERVISTE E REPORTAGE

A cura di Maria Cristina Torrisi

Leggi tutto

LE ODI

LE ODI
A cura di Ludovico Anastasi

 

VENTO

Da tre giorni e tre notti vesti leggera brezza senza scatenare in me tempesta alcuna. La bonaccia mi rattrista, raduna ricordi come armata in avanzante ascesa dal fu di ieri all’oggi triste piu’ di allora. Dicono vestiro’ la fronda con tumulti a schiera dentro l’anima e il cuore a battere fino a sera, a tarda ora.

 

odi

 

IL CAPPELLO A FALDE LARGHE

Non necessario al gentile inverno isolano mi modella i capelli a suo piacimento cosi’ che con la mano li sistemo allo specchio piu’ del dovuto, vezzo di compiacimento nel lento ragguaglio di cosa sono stato durante il giorno.

Leggi tutto

LE ODI

20201218_193307

LE ODI
A cura di Ludovico Anastasi

 

Ho smesso il mio mieloso pregare, c’e’ un grande via vai nel mondo. In tempi lontani scrissi che sulle ginocchia di Dio avrei voluto giocare. Afflitto dal peso mi sono perso e al lumicino sono ridotte le speranze del gioco. Meglio fossi nato gatto o uccellino.

20201218_193307

 

I RIMPROVERI

 

Sconsolate le altitudini mi cercano mentre girovago sull’orlo dell’abisso, io, effimero carezzato dall’Eterno affinche’ non smarrissi mai il giudizio ora, smarrito, in questo inizio d’inverno, gravi giudizi attendo.

 

 

 

Leggi tutto

LE ODI

FB_IMG_3728695323775361212

LE ODI

A cura di Ludovico Anastasi

1 E il demerito mi assale in questo chiaro settembrino: quel che a lei chiaramente avrei dovuto dire, l’ho taciuto.

2 Giano bifronte, Acquario, mi taglio a sangue con le mondane forbici del giudizio vario a secondo degli umori che si susseguono come discenti in fila ai primi veri esami, ora terribili e quotidiani.

3 DIO ABITA IL PASSATO.

Tengo fermo il timone nello specchio d’acqua dei miei morti. Li’ non fa tempesta e se volge a nuvolo e’ per sentir piu’ intima la festa degli amori. Li’ sta la santita’ dei sorrisi, dei gesti buoni. Sta tutta li’ la meraviglia della vita e la sua grazia. Li’, nei vivi alla morte invisi, perche’ attorno, c’era da crearmi gioia. Poi, si sa, paziente la scaltra mastica l’attesa...

Leggi tutto