Archeologia e Dintorni

OMAGGIO A DINO CAMPANA

dino

dino

Recensioni ed Eventi

A cura di Clara Artale

Dino Campana è un poeta. Dai colori accesi, luci e soprattutto ombre. Un pittore delle parole. Un visionario delle proprie tenebre. Piccoli ferimenti e grandi sanguinamenti, questo tra le sue pagine. I Canti Orfici profumano d’eterno e sconforto, come l’amore del resto, quello vero che decanta lui. Sanno di Euridice e Orfeo insieme e di Hermes, della sua mano che la trattiene. Uso di aggettivi, avverbi, figure retoriche e figuri, paura del risveglio e gioia nell’oblio. Oscurità tra veglia e sogno, perdizione fra foreste e chiese abbandonate...

Leggi tutto

Valorizzare il patrimonio archeologico: il Plan patrimoine antique de la Region Provence-Alpes-Cote d’Azur

Fig. 2 - Il dialogo tra il Teatro romano, l’Anfiteatro e il College S. Charles.

Archeologia & dintorni

A cura di Mariagrazia Leonardi

 

Entro un atteggiamento politico aperto alla salvaguardia del territorio, la Regione proprietaria Provence-Alpes-Cote d’Azur, consapevole dell’importante ruolo di memoria e significato della civiltà mediterranea europea assunto dall’imponente patrimonio archeologico di Arles, Vaison la Romaine, Fréjus, Saint-Rémy-de-Provence o Digne-Les-Bains, iscritto nella lista del patrimonio mondiale dell’umanità, e dei riscontri economici legati a una corretta valorizzazione e fruizione, propone nel 1999 di attivare insieme con l’aiuto dei comuni proprietari e di altre amministrazioni pubbliche un Plan pour le patrimoine antique.

Sulla base di un ingente investimento finanziario, ripartito tra Stato, Regione, Dipartimenti, comuni pr...

Leggi tutto

SULLE NOTE DEI COLORI, ARCHEOCLUB AVOLA

2015-08-05 16.41.04

2015-08-05 16.41.04

Archeologia & Dintorni

A cura di Clara Artale

“Ieri, dopo pranzo, ho chiesto a mio padre di raccontarmi come ricorda l’Antico Mercato. Io sono così legata a questo posto perché a pochi metri da qui, in una casa di fronte, è nato il mio papà. Ha iniziato a narrare. Dentro la cancellata, al centro del cortile, c’era la pesa pubblica. Un piccolo cancelletto permetteva agli animali di entrare, adagiarsi sulla bilancia ed essere pesati. A volte, lui e i suoi amici d’infanzia, quando la pedana era libera e in attesa di una nuova pesata, saltavano su e si dondolavano un poco, così, per gioco. Nella rientranza vi erano dei banchi con su lastre di marmo rettangolari. Lì veniva esposto e venduto il pesce. Accanto vi erano i macellai. Nella rientranza opposta veniva venduta la frutta...

Leggi tutto

“Luci e Ombre. Tra Archeologia e Tradizione”.

conferenza

Archeologia & Dintorni

A cura di Maria Cristina Torrisi

L’Associazione Culturale Archeoclub Avola, presso la Sala Consiliare del Palazzo di città, sabato scorso 18 luglio ha organizzato una conferenza dal titolo “Luci e ombre. Tra Archeologia e Tradizione”. Ha invitato gli intervenuti a compiere un viaggio in epoche e luoghi differenti, legati da un unico filo conduttore, le luci e le ombre, reali o interiori. Moderata dalla dott. ssa Paola Sirugo, ha visto come relatori la dott. ssa Concetta Dugo (L’Orfismo e le lamine orfiche), la dott. ssa Clara Artale Presidente dell’Associazione (Luci e Ombre, tra Archeologia e Tradizione. Le Lucerne) e il dott. Carmelo Scandurra (Ombre e Luci della Siracusa paleocristiana).

«L’orfismo è un fenomeno storico culturale e mistico religioso che...

Leggi tutto

Il progetto di architettura sulle aree archeologiche del bacino mediterraneo europeo occidentale

Archeologia & Dintorni
Mariagrazia Leonardi

250px-Archaeology.rome.arpInterpretare oggi un documento archeologico come monumento, suscita interrogativi su quale possa esserne il significato in una società dove l’atteggiamento diffuso nei confronti della valorizzazione e della fruizione del patrimonio storico e culturale sembra essersi risolto nell’archiviazione delle permanenze e nell’estraniazione dell’antico, isolato dal proprio contesto e reso spesso frammento incomprensibile.
Molteplici testimonianze archeologiche adiacenti o insite nella città contemporanea, o diffuse nel territorio regionale, si confrontano con i segni di un’architettura più o meno recente, in un dialogo che non si presenta esente da processi di distorsione pagati a caro prezzo in termini di squilibri urbani o ambientali.
Riflett...

Leggi tutto